Cosa segna l’inizio delle vacanze per te? È l’odore di zenzero, burro e biscotti? È il suono di quella canzone natalizia alla radio -e spesso è di Michael Bublè? O è la vista della pubblicità della Coca-Cola?

Quando Coca Cola è diventato il brand di Natale?

Per molti, la Coca-Cola è infatti il ​​marchio che viene in mente quando entriamo nello spirito della festa di Natale. Questo è più che ragionevole, se non del tutto comprensibile, dal momento che è dal 1931 che la Coca-Cola è duramente al lavoro sul proprio branding per le vacanze di Natale.

Gli annunci pubblicitari sulle riviste di quel primo decennio mostrano davvero come la Coca-Cola abbia usato storie familiari, cultura pop e attualità, per diventare il brand per eccellenza delle vacanze di Natale.

Perché la Coca Cola è il brand di Natale?

Uso di storie familiari

Per questa prima campagna di annunci sulle riviste durante le feste, The Coca-Cola Company assunse la D’Arcy Advertising Agency. Archie Lee, l’executive del progetto, decise su un simbolico ma del tutto realistico Babbo Natale come soggetto della campagna. Per portare in vita Babbo Natale, Haddon Sunblom, illustratore che iniziò a lavorare sulle illustrazioni di ragazze pin-up, utilizzò una poesia di Clement Clark Moore del 1822, “Una visita da San Nicholas/Santa Claus” (meglio conosciuta come ’Era la notte prima di Natale’) come ispirazione.

È importante segnalare che questa non è la prima immagine di Babbo Natale, né è la prima pubblicità di Coca-Cola usata nelle vacanze. Precedentemente, Coca-Cola  aveva rilasciato degli annunci pubblicitari sul Saturday Evening Post, anche con Babbo Natale. Ma quel Babbo Natale, tuttavia, non era il caldo e accogliente personaggio che Sundblom ha continuato a portare in vita. È anche importante notare che Babbo Natale prima di Coca-Cola e Sundblom, era rappresentato come qualcosa a metà fra un elfo e un severo Santa Claus.

Sundblom ha continuato a creare annunci pubblicitari della Coca-Cola con Babbo Natale, durante le feste, fino al 1964. Verso la fine di questi anni ha usato anche sé stesso come modello per Babbo Natale. Questo non solo ha contribuito a creare l’immagine di Coca-Cola come un prodotto per le festività, ma anche a creare questo particolare tipo di Santa Claus per la festa di Natale, che è riconosciuto in tutto il mondo odierno.

Riferimenti a cultura pop

La Coca-Cola veniva originariamente consumata solo nei locali che avevano spillatrici di soda, ma nel 1928 ha iniziato a entrare nelle case. Nel 1937 le bottiglie di Coca-Cola divennero popolari, così naturalmente la campagna pubblicitaria delle festività fece diventare familiare l’immagine di Santa Claus che beve Coca-Cola da una bottiglia, di fronte al frigo.

Sai cos’è una concept art per una pubblicità?

In alcuni degli annunci per le feste, si usò Santa Claus con i giocattoli popolari regalati ai bambini. Ad esempio, la campagna 1936 mostrò Santa con un trenino elettrico. Come nuovi giocattoli diventavano trend, la Coca-Cola li mettevainsieme a Babbo Natale e, naturalmente, a una Coca-Cola. Questo è stato il caso della campagna pubblicitaria del Natale 1962, che comprendeva anche un elicottero giocattolo elettrico. Il giocattolo e l’immagine familiare di Babbo Natale rinforzano l’immagine della Coca-Cola come prodotti per le vacanze, e il valore della marca.

Insieme con le bottiglie di Coca-Cola e i giocattoli alla moda, Babbo Natale stesso divenne una icona della cultura pop delle feste di Natale, dopo il primo decennio di annunci pubblicitari sulle riviste.

Sprite Boy

Ci fu però un fallimento “pop” in questa serie di annunci, e il suo nome fu Sprite Boy. Sundblom aggiunse Sprite Boy a fianco di Babbo Natale negli annunci pubblicitari del 1944 e il 1949, ma non prese piede e non fu più usato.

Uso di eventi d’attualità

Mentre gli americani si stavano riprendendo dalla Grande Depressione, la Coca-Cola usò la campagna pubblicitaria delle feste del 1938 per ricordare loro il piacere della vita, mostrando Babbo Natale che si rinfresca con una Coca Cola con una bimba in braccio.

Crea il tuo biglietto di Natale e spediscilo!

Mentre gli americani si stavano preparando per la guerra (la Seconda Guerra Mondiale), Coca-Cola usò la campagna pubblicitaria delle feste del 1943 per sostenere lo sforzo bellico attraverso l’immagine di Babbo Natale con una Coca-Cola in una mano, e il suo sacco in spalla pieno di giocattoli e obbligazioni di guerra.

Proprio mentre gli americani stavano tornando a casa dalla seconda guerra mondiale, la Coca-Cola, ancora una volta ha approfittato di questo evento con la loro campagna pubblicitaria per le feste del 1945, mostrando Babbo Natale che torna in una casa accogliente con tanto di bigliettino e una Coca.

Come sappiamo tutti, ci sono stati avvenimenti molto importanti a livello economico, politico e sociale, che si sono verificati tra il 1931 e il 1964 oltre alla Grande Depressione e la Seconda guerra mondiale, solo che non furono inclusi negli annunci pubblicitari Coca-Cola. The Coca-Cola Company e D’Arcy Advertising Agency scelsero di mantenere gli annunci in modo classico e focalizzati sul loro prodotto, in collaborazione con Babbo Natale, così come i bambini e giocattoli, di volta in volta.

La storia familiare di Santa Claus, il passaggio della cultura pop dai locali alle bottiglie in casa, e l’inclusione dei giocattoli di moda, così come gli eventi d’attualità, come la Grande Depressione e la seconda guerra mondiale tutti questi elementi hanno contribuito a trasformare la Coca-Cola nel classico marchio della vacanza. Attraverso ogni campagna annuale, Coca-Cola ha costruito un riferimento tra il proprio pubblico e qualcosa da godere nella propria casa. Ancora oggi, quando vediamo Babbo Natale che beve una Coca-Cola in una rivista, o sul lato di un camion delle consegne, o su una lattina, sappiamo che le feste sono arrivate!

Vuoi scoprire anche tu tutti i segreti del design e dell’adv? Iscriviti al corso della REA Romeur Academy!